X

ENCOMB

Extended Non Destructive Tests for Composite Bonding

AMBITO : FP7, AAT.2010.1.1-2. AAT.2010.4.2-2. TPT Aerostructures/Transport
COMMITTENTE : Commissione Europea
DURATA : 42 Mesi
COSTO COMPLESSIVO DELLA PROPOSTA : 6MEur
PARTNER : Fraunhofer IFAM, Fraunhofer IZFP, CNRS, ENEA, RECENDT, EPFL (Ecole Politechnique Federale Losanne), National Academy of Science of Ukraine, AIRBUS, University of Patras, Univeristy of Bristol, Agilent Technologies, EADS, EASN, Polish Academy of Science IMP – Gdansk

OBIETTIVI GENERALI :
ENCOMB è un consorzio europeo finanziato all’ interno del settimo programma quadro. Unisce aziende e centri di ricerca leader nel settore aeronautico e dei test non distruttivi da 9 differenti paesi europei. L’ obiettivo principale è identificato dall’ industria aeronautica, rappresentata all’ interno del consorzio da EADS e Airbus: fornire metodologie di test non distruttivo per l’ assicurazione di qualità degli assemblaggi per incollaggio di componenti strutturali in composito in fibra di carbonio. L’ utilizzo di tali materiali permette l’ abbattimento del peso totale dell’ aeromobile con un notevole (circa 15%) risparmio in termini di carburante per miglio volato. I pannelli in CFRP non vengono assemblati per rivettaggio ma attraverso l’ incollaggio delle superfici. Purtroppo non esistono metodologie consolidate, al momento attuale, per il testing e l’ assicurazione di qualità degli assemblaggi per incollaggio e ciò limita l’ adozione di tali materiali per componenti strutturali primarie. L’ obiettivo di ENCOMB è appunto lo studio, la selezione, l’ adattamento e lo sviluppo di tecnologie innovative per il test non distruttivo degli incollaggi in CFRP.

Ruolo dell’ENEA :
ENEA (resp. Scientifico S. De Vito), all’ interno del consorzio ENCOMB, è responsabile delle attività di ricerca riguardanti le tecnologie dell’ olfatto artificiale focalizzate allo sviluppo di un naso elettronico innovativo per l’ ispezione e l’ analisi quali-quantitativa dello stato di contaminazione delle superfici pre-incollaggio. Infatti, la contaminazione da numerosi fluidi di derivazione aeronautica e non (e.g. liquidi idraulici, agenti di rilacio, agenti anti ghiaccio, umidità atmosferica, etc.) rappresentano un pericolo significativo in quanto la loro presenza sulle superfici comporta una drammatica riduzione delle capacità meccaniche dell’ incollaggio. In ENCOMB, ENEA, in collaborazione con in partners ed in particolare con il Fraunhofer IFAM ed EADS, analizza, seleziona, adatta e sviluppa tecnologie sensoriali chimiche (naso elettronico) e le relative metodologie di analisi dati mutuate dal contesto dell’ intelligenza computazionale fino alla produzione di prototipi operativi nei contesti dell’ assemblaggio e della manutenzione aeronautica.

Responsabile Scientifico del progetto per ENEA : Ing. Saverio De Vito